Senza esperienza

Scritto da Laura Testa il 9 aprile , 2009

01_molo“Aiuto! Ho 17 anni e non ho mai baciato nessuno”, “Non sono normale: tutti hanno già avuto una storia e io no!”. Molto spesso durante gli interventi di educazione sessuale emerge la preoccupazione da parte dei ragazzi e delle ragazze di non essere adeguati o, peggio, di essere completamente sbagliati perché a differenza dei loro coetanei non hanno avuto esperienze sessuali. Una prima cosa importante da dire, cari ragazzi, è che molto spesso le persone mentono in relazione alla loro sessualità e spesso può capitare, soprattutto durante l’adolescenza, che si cerchi di guadagnare popolarità presso gli altri vantando esperienze sessuali che in realtà non sono mai state compiute, o esagerando le poche che sono esistite. Bando quindi al tentativo di stare al passo con i racconti degli altri e ascoltate solo voi stessi: il momento arriverà ed è la qualità che conta, non la quantità.

Articoli Similari
Posted in La prima volta

81 Risposte a “Senza esperienza”
Stellina91

Gentile dott.ssa Laura,
ho un dubbio che mi tormenta. Uso il preservativo ma il mio boy è già un po’ “bagnato” prima di indossarlo. Questo può avere delle complicazioni? Il preservativo si può sfilare?
Grazie

Jenny

Cara Laura,
ho paura di avere qualcosa che non va!!!
Ho avuto il mio primo rapporto sessuale ma non è uscito sangue!! Che vuol dire??
Grazie10000

Mirco

Salve dottoressa,volevo sapere se era possibile contattarla tramite e-mail.La ringrazio in anticipo…Mirco

Laura Testa

Ciao Jenny, la fuoriuscita di sangue al primo rapporto sessuale è una eventualità, non una certezza matematica, è quindi possibile che una ragazza al primo rapporto non abbia aluna perdita di sangue, esattamente come è capitato a te.

Laura Testa

Ciao Stellina91, anche gli uomini producono un liquido di luibrificazione che fuoriesce in poche gocce prima del rapporto sessuale, eventuali complicazioni potrebbero esserci se la penetrazioni avviene anche prima che venga indossato il preservativo. Il preservativo va indossato assolutamente prima della penetrazione.

marty

salve dottoressa,
solo una considerazione in relazione nell’articolo “senza esperienza” dove c’è una ragazza di 17 anni che non ha mai baciato nessuno, be io ne ho 19 (quasi 20) e non solo non ho ma baciato nessuno, ma non sono mai uscita con una ragazzo (intendo appuntamento) dovrei essere messa ancora peggio!
non sò se sono come considerarmi se strana, anormale.
Saluti, Marty.

Laura Testa

Ciao Marty, quello che cerco di dire nel post è proprio che non bisogna assolutamente sentirsi “sbagliati” o “anormali” se non si hanno esperienze relazionali o sessuali con le stesse tempistiche che i coetanei dicono di avere. Ognuno deve rispettare le proprie esigenze, i propri desideri, i propri limiti ed i propri tempi.

mimmyld93

salve dottoressa, io ho 16 anni e nn ho avuto molte esperienze cn i ragazzi, quelle ke ho avuto nn sono andate a finire bene e ogni volta ke vedo le mie amike cn i loro ragazzi mi sento triste, quasi a disagio..secondo lei è 1 cosa normale?

Laura Testa

Cao Mimmy, a 16 anni non avere avuto molte esperienza con i ragazzi è la regola, non certo l’eccezione. Non mi è chiaro però perchè vedere letue amiche con i loro ragazzi ti rende triste, temi che a te non capiterà mai? fammi sapere.

reby

salve dottoressa,
volevo sapere: facendo le analisi sanguigne, i miei genitori, attraverso esse, potrebbero scoprire che io ho perso la verginità?

tra le mie amiche girano delle voci su questo fatto, ma sinceramente voglio essere sicura…

grazie

Reby

Laura Testa

Ciao Reby, dalle analisi del sangue non è possbile stabilire se una persona abbia già avuto rapporti sessuali. Esattamente che voci girano tra le tue amiche?

reby

le mie amiche non hanno ancora avuto rapporti e mi hanno detto che facendo le analisi, i miei genitori possono scoprire che ho già avuto rapporti…ma, nel dubbio, sono venuta su questo sito a chiedere conferma a lei…quindi posso stare tranquilla? grazie mille dottoressa!

Laura Testa

Ciao Reby, l’informazione che ti hanno passato le tue amiche non è corretta, spero che per quanto riguarda la contraccezione e la protezione da malattie a trasmissione sessuale tu non abbia utilizzato loro come fonte attendibile perchè le loro conoscenze in merito alla sessualità devono essere decisamente approfondite. a presto.

reby

no no non ho chiesto consiglio a loro riguardo alla contraccezione … grazie comunque…

fly

carissima dott.ssa quindi non e da tutti ke al primo rapporto fuoriesca del sangue? ma potrebbe succedere al 2do rapporto??

Laura Testa

Certo Fly, ma qursto non ha a che fare con la verginità.

anonima

salve dottoressa. circa una settimana fa ho avuto il mio prmo rapporto sessuale. Ero psicologicamente prontissima ma il dolore è stato notevole,non è penetrato del tutto, ho perso del sangue (poco ma continuo,fino a sera). Sono rimasta indolenzita per due giorni,dopo di chè il dolore si è localizzato nella parte destra della vagina (l’ingresso alla pressione è dolente) quando mi siedo a gambe incrociate. Va diminuendo,anche se dopo più di una settimana ogni tanto si fa sentire. E’ una condizione normale,dovuta al ‘trauma’ fisico? A presto,grazie mille dell’attenzione.

anonima

salve dottoressa. circa una settimana fa ho avuto il mio prmo rapporto sessuale. Ero psicologicamente prontissima ma il dolore è stato notevole,non è penetrato del tutto, ho perso del sangue (poco ma continuo,fino a sera). Sono rimasta indolenzita per due giorni,dopo di chè il dolore si è localizzato nella parte destra della vagina (l’ingresso alla pressione è dolente) quando mi siedo a gambe incrociate. Va diminuendo,anche se dopo più di una settimana ogni tanto si fa sentire. E’ una condizione normale,dovuta al ‘trauma’ fisico? A presto,grazie mille dell’attenzione.

Laura Testa

Ciao Anonima, in una situazione come la tua sarebbe piuttosto azzardato fare delle ipoesti perchè solitamente il dolor, se presente, non dura così a lungo. Sarebbe quindi opportuno che tu procedessi ad una visita ginecologica per avere un quadro più chiaro della situazione. Puoi rivolgerti tranquillamente al consultorio della tua zona o ad un ginecologo privato, anche se sei minorenne. Fammi sapere

anonima

non sono minorenne,seguirò il suo consiglio. Spero solo di non dovermi preoccupare, odio l’idea di rovinarmi un momento così bello per chissà quale motivo :) aspetto mi passi il ciclo. Grazie mille per la velocità della risposta,a presto.

Leo

Salve dottoressa,
sono un ragazzo di 20 anni e ho il seguente problema: mi sento totalmente BLOCCATO sia nel parlare di sesso con gli altri(genitori o amici), sia ad approcciarmi con una ragazza che non sia un rapporto d’amicizia. Sto proprio male in questa situazione e non sò ne con chi parlarne, ne come posso risolvere tale problema.

Il fatto che non riesca a discuterne con i miei, penso che dipenda dal fatto che non mi hanno mai parlato di sesso; e indirettamente questo fà si che non riesca a parlarne neanche con gli amici. Poi, considerando che sono un pò timido, ciò mi blocca totamente.
Grazie in anticipo.

cippa lippa

Buongiorno Dottoressa,sono un ragazzo di 38 anni e da qualche mese a oggi non ho piu’ il desiderio e la stimolazione di fare sesso con la mia fidanzata e oltre tutto ho “perso” pure l’erezione,cosa posso fare.
Grazie x la sua disponibilita’.

Laura Testa

Buongiorno, putroppo la richiesta è molto generica. Le è possibile darmi qualche dato in più? da quanto state insieme? Da uanto ci sono problemi nei rapporti? Prima la sessualità era soddisfacente? Più chiaro è il quadro della situazione, più centrata sarà la risposta. A presto

Laura Testa

Prego, è stato un piacere “leggerti”. a presto

Laura Testa

Ciao Leo, il problemi che poni è tutt’altro che raro…anzi! La maggior parte delle persone simula una disinvoltura che assolutamente non gli appartiene e quello che ne esce è poco più che un livello da barzelletta con volgarità e battutacce. Prova a porre la questione alla persona con la quale ti senti più in confidenza, un amico o un’amica per esempio, e che sai essere persona sincera e seria : “tu parli fcailmente di sesso?” prova a sentire cosa ti risponde. Se ne hai voglia mi piacerebbe che condividessi con me la risposta e da lì potremmo proseguire nel nostro ragionamento alla ricerca di una soluzione per te. a presto

Leo

Salve dottoressa,
avevo già provato, in passato, a fare questa domanda ad una mia amica, e lei mi rispose che non aveva nessun problema a parlare di ciò con sua madre… Il fatto è che, con il passar del tempo, dato che la conosco da 8 anni, mi sono accorto di essermi innamorato di lei e glie lo volevo dire prima che, quest’estate, partisse per lavoro, ma non ci sono riuscito sempre per questa TIMIDEZZA. Ora che è tornata, e che avevo preso coraggio, mi ha confidato(prima che gli lo dicessi) di essersi fidanzata con un ragazzo di 10 anni più grande(lei ha 20 anni) e, in quel momento, mi è crollato il mondo a dosso. E più penso che a 20 anni non ho mai baciato una ragazza, più divento triste e più penso che questo problema me lo porterò per sempre. Preciso comunque che ho molti amici che mi vogliono bene e che mi piace uscire e divertirmi, soprattutto andare a ballare con loro e non mi reputo neanche così brutto. Il problema, quindi, è che non riesco a dimostrare il mio interesse\attrazione ad una persona che mi può piacere. Ero andato anche a cercare su internet questo tipo di problema e avevo trovato che alcune persone “soffrivano” di Timidezza D’amore e che difficilmente riuscivano a crearsi un futuro con una persona….Grazie ancora.

Laura Testa

Salve Leo, un vecchio trucco da utilizzare quando si fatica a parlare con una persona è provare a scriverle. Scrivendo si ha la tranquillità sufficiente per spiegarsi con calma e scegliere con attenzione contenuti e parole. 20 anni sono troppi per non aver mai baciato una persona? Se vivi questa situazione come un handicap rischi di cadere nella trappola della “profezia che si autoavvera”. Venti anni non sono troppi, semplicemente non hai ancora incontrato la persona giusta o il modo per trovare il coraggio di farti avanti, non avere paura, sicuramente ti capiterà di sentirti dire dei no ma sono indispensabili per poter arrivare ad un sì.

Anonima-123

Gentile dottoressa,
premetto che sono fidanzata da pochi mesi e che non ho nessun tipo di problema con il mio ragazzo.
Non ho mai avuto rapporti sessuali, anche se ho provato a praticare la masturbazione con lui. Durante questo tipo di rapporto ho notato che tuttavia fatico a provare piacere. Inizialmente mi sento stimolata nel continuare il rapporto, segue un momento di piacere ma dopo qualche secondo il piacere svanisce, mi sento stanca e quasi desiderosa di finire il rapporto.
è una situazione che mi preoccupa molto poichè è capitata anche in passato sia praticando la masturbazione da sola che con quello che era il mio vecchio ragazzo.
Vorrei sapere se tutto ciò può ritenersi normale.
grazie mille.

Gioi

Buonasera dottoressa,volevo sapere se la prima volta che si fa l’amore ,se si é ben lubrificate nel caso l’imene dovesse rompersi non ci sarebbe dolore e fuoriuscita di sangue,grazie mille,Gioi

preCCUPatiSSImA

salve dottoressa,sono una ragazza di 17 anni.le scrivo perchè sono completamente disperata. due anni fa stavo per avere il mio primo rapporto sessuale che però non è riuscito perchè mi faceva troppo male. è riuscito a penetrarmi un po ma poi il dolore era atroce. un anno dopo sono andata dalla ginecologa ma non è nemmeno riuscita a visitarmi troppo bene perchè non volevo!!!mi ha detto che ho un blocco psicologico perchè quella volta mi ha letteralmente traumatizzata!!!come posso fare per stare tranquilla??mi sento anormale!!!

Laura Testa

Ciao Preoccupatissima, la sessualità femminile è fortemente soggetta alle tensioni emotive e psicologiche che una donna si trova a vivere. la cerscente preoccupazione che nutri per la tua “normalità” rischia di diventare il yuo vero problema. E’ normale che al primo rapporto sessuale la tensione porti a provare del dolore e spesso insistere (come avete fatto voi) rischia solo di peggiorare la situazione. prova a tranquillizzarti e pensa che il nostro apparato sessuale è fatto per avere rapporti esattamente come lo sono i polmoni pee respirare o lo stomaco pe rdigerire, se lasci che il tuo corpo segua il suo istinto il tuo corpo funzionerà. L’uomo giusto ti saprà accompagnare. a presto

Laura Testa

Ciao Anonima, il “momento di piacere” che descrivi sembra proprio l’orgasmo, intenso, breve e seguito da una grande spossatezza. Che cosa ti preoccupa?

Laura Testa

Ciao Gioi, la modificazione dell’imene non sempre è presente al primo rapporto sessuale. L’imene è una membrana diversa da donna a donna, in alcune donne l’imene ha una conformazione tale da consentire la penetrazione senza subire alcuna modificazione.

Anonima-123

Credo che forse sono troppe le mie paranoie, però sinceramente avevo pensato che potesse trattarsi di un problema di frigidità, anche se è un argomento ke conosco solo a grandi linee e vorrei chiederle se potrebbe spiegarmi brevemente di cosa si tratti precisamente.
Mi preoccupava il fatto ke, in un rapporto (anche se solo di masturbazione)il piacere fosse così breve e improvviso.
Credo forse che la mia sia una questionedi inesperienza. Grazie mille

Leo

Grazie dottoressa per i suoi consigli, proverò a fare come dice lei.
Grazie ancora.

Barbara 89

Cara dottoressa,
io e il mio ragazzo siamo abbastanza preoccupati per una cosa. Nessuno dei due ha mai avuto dei rapporti sessuli solo ke nei momenti di intimità che abbiamo lui ha il timore di avere un’eiaculazione precoce.
Mi ha confidato ke questo problema gli si presenta solo quando è con me e non è mai successo praticandosi la masturbazione. Dice che appena lo stimolo gli sembra di avvertire l’inizio dell’eiaculazione e x questo motivo mi ferma. Secondo lei è una paura legata all’inesperienza o può essere un problema da sottoporre a un medico.
Grazie

Laura Testa

Ciao Barbara, la paura che il tuo ragazzo manifesta non sembra essere fondata su alcun dato di realtà, è bene quindi rispettare il detto “non fasciarsi la testa prima che sia rotta!” inoltre a tutti può capitare qualche volta di eiaculare anzitempo ma ben diverso è strutturare un problema di eiaculazione precoce. a presto

vittoria sallit

salve dott.sa sono una ragazza di 20 anni,sono vergine ma ho un grosso problema.Spesso mi capita di avvertire una forte sensazione di eccitazione a livello fisico senza stimolare le parti,e a volte ho paura di arrivare addirittura a provare piacere,anche se x fortuna non è mai successo.è normale?cioè,può capitare o è suggestione?capita alle altre donne?..la prego risponda,sono spaventatissima perchè ho sentito dire che c’è una malattia che provoca orgasmi spontanei ed io ne ho il terrore.mi aiuti.grazie in anticipo.ps: ho un ragazzo da un anno emmezzo con cui faccio preliminari.

Laura Testa

Salve Vittoria,
il nostro primo organo sessuale è il cervello ed è dal cervello che nasce l’eccitazione. La relazione che stai vivendo è all’inizio per cui il tuo ragazzo provocherà in te una forte attrazione e molto probabilmente il suo pensarlo ti farà sentire eccitata. Sei giovane ed innamorata, nulla di strano quindi se il tuo corpo reagisce di conseguenza. A presto

Berardino

Ciao laura forse farò un pò di confusione scrivendoti visto che ho tante cose da dirti capitava in passato durante l’ora di sonno quindi durante la notte che mi svegliassi di soprassalto e sentivo il desiderio di uccidermi mi svegliavo in piedi mimettevo davanti alla porta di camera mia a riflettere mi rimettevo a letto e cercavo di tranquillizarmi
alla fine mi addormentavo anche adesso succede ma il mio incoscio a cambiato strada a volte mi sveglio la notte e inizio a masturbarmi dal nulla io invece di dormire penso a quella ragazza che ancora non ho e a come sarebbe bello averla visto che sono single all’età dei quasi 22 anni
le mie sono solo paure e le paure si sà ti fanno credere di essere diverso
ultimamente ho anche degli sbalzi d’umore sono sbalzi che vanno e vengono io dal nervoso e per reprimere i miei pensieri mangio alla svelta per esepio ieri sera ho mangiato un amburger in due secondi ero a tavola ed avevo questi sbalzi pensiweri steani io lo so che dovrei reprimerli e lo faccio ma nel momento che mi tranquilizzo la mia mente focalizza la realtà e mi domando ma perchè mi stà succedendo questo e vorrei trovare una risposta
in una settimana di sbalzi d’umore avrò da solo fatto cento ipotesi sul xchè mi sucedesse ma non ci ho mai azzeccato mi dica lei il perchè

vittoria sallit

mi scusi se insisto,mi dispiace essere ripetitiva ma non ho esperienza e quindi ho tanti dubbi. Le chiedo solo un’ultima cosa per specificare meglio: la sensazione che avverto mi viene anche quando non penso a lui,è questo il mio probelma!!non so bene come spiegare,ce l’ho e basta..se focalizzzo l’attenzione su questa cosa aumenta se invece la distolgo si placa,ma il punto è che faccio fatica a non pensarci. passerà?? succede a tutti oppure ho un problema?? GRAZIE MILLE PER AVER RISPOSTO,è STATA GENTILISSIMA E MI HA GIà AIUTATO TANTO! buona giornata.

Laura Testa

Salve Vittoria, la fisiologia stessa dell’innamoramento ed, in particolare, del primo innamoramento si accompagna con queste sensazioni così prepotenti e così fisiche. Nulla di strano e nulla di “anormale”, l’amore funziona anche così. buona giornata anche a te. A presto

Laura Testa

Salve Barnardino, riuscire ad essere obiettivi quando riflettiamo su una situazione che ci coinvolge, ci preoccupa e ci procura sofferenza, è estremamente difficile. La situazione che descrivi mi sembra alquanto complessa e ritengo che meriti un’analisi approfondita da attuarsi con l’aiuto di uno specialista. Nella tua situazione le manifestazioni legate alla sessualità rappresentano solo una delle modalità con le quali si manifesta il malessere. Occorre lavorare per comprendere appieno sia gli sbalzi di umore che i pensieri disturbanti. Fammi sapere.

Marta

Cara dottoressa, ho 21 anni e sono vergine. Io ho il problema opposto rispetto a Vittoria e molto simile invece ad Anonima 123. Anke io faccio fatica a provare piacere sia quando vengo stimolata dal mio ragazzo ,questo mi è capitato anke con storie passate.
il piacere dura pochissimi secondi, prima e dopo questo momento assolutamente il nulla.
In quanto a lubrificazione tutto a posto. Cosa pensa ke sia?

Laura Testa

Buongiorno Marta, l’orgasmo in sè dura effettivamente pochi secondi.Prima la sensazione dovrebbe essere di eccitazione sempre crescente e subito dopo dovrebbe esserci una sensazione di rilassatezza. E’ così che ti senti?

Marta

Inizialmente a livello fisico non sento niente ma comunque ho voglia di continuare. Una volta raggiunti quei pochi secondi (in cui però non ho contrazioni ma sento semplicemente piacere)ho voglia di smettere anche se in genere continuo comunque perchè i tempi del mio ragazzo sono più lunghi. Crede sia normale?

sari

Cara dott. Testa ho 20 anni,sn fidanzata da quasi 2 mesi.Premetto è stata una storia molto sofferta nel senso k all’inizio eravamo solo amici, lui era fidanzato,ho(abbiamo)combattuto molto x averlo.Il mio problema si avvicina molto a quello di Preoccupatissima,anke xk effettivamente io lo sn molto.Circa un mese fa abbiamo provato a fare l’amore,io sn vergine,lui no.Ammetto k nn è stata una situazione totalmente rilassata nel senso k eravamo a casa mia,cn la paura k i miei tornassero da un momento all’altro,la paura della prima volta da entrambe le parti.Abbiamo tentato la penetrazione per tre volte ma nn c’è stato verso sia x un forte dolore,sia xk nn c’era verso k penetrasse.La cosa all’inizio mi ha preoccupata molto xk pensavo di nn essere fisicamente a posto…allora mi sn informata,qui su internet ma dalle informazioni lette…doverebbe essere tutto a posto.Poi ieri casualmente,continuando a informarmi sulla questione ho cliccato sulla parola Vaginismo…e a quel punto mi è caduto il mondo addosso.ho letto k è una contrazione involontaria dei muscoli k rende impossibile la penetrazione e ho il terrore di soffrire di questo problema xk io nn riesco a inserire nemmeno un tampax.La prego mi aiuti,nn vorrei perdere il mio uomo x questo problema.grazie.sari

Laura Testa

Ciao Sari, una cosa che molto spesso non viene raccontata è che molte persone incontrano delle difficoltà durante la loro prima volta. Tanti si trovano nella condizione di non riuscire nella penetrazione la prima volta e cadono in un profondo sconforto perchè ritengono che questo indichi una problematica di enorme gravità.
Cara Sari, tuttel le “prime volte” sono difficil, non solo nell’ambito della sessualità, e sicuramente parlare di vaginismo è decisamente prematuro. Sei alla tua prima esperienza ed il tuo ragazzo lo è con te. Se ancora vi sentite così tesi ed agitati forse è il caso di aspettare ancora qualche tempo per acquisire maggiore confidenza e serenità e vedrai che, molto probabilmente, tutti i problemi così come sono comparsi, spariranno. Fatti sentire. a presto

Anonima 123

Gentile dottoressa, ho già provato a scriverle in passato ma non sono ancora riuscita a risolvere il mio problema.
Mi sono confrontata con delle amiche che mi hanno detto che, quando i fidanzati stimolano loro la vagina, sentono piacere per quasi tutto il tempo. Io invece sento piacere solamente per pochi secondi. Il resto del tempo non sento praticamente nulla.
Prossimamente andrò dalla ginecologa per problemi con il ciclo e le chiederò anche questo.
Pongo la domanda anche a lei semplicemente per preoccupazione e ipazienza.
Grazie

Laura Testa

Ciao Anonima, poichè la sensibilità della vagina non è elevata e in ogni caso è relativa solo al prima terzo, mi piacerebbe sabere questo piacere che le tue amiche descrivono per “per tutto il tempo” da che cosa è dato, o meglio: di che cosa stanno parlando le tue amiche? la zona sicuramente molto sensibile è il clitoride posto sulla vulva esternamente alla vagina. Come rilevare la sensibilità della vagina? Con una semplice esperienza: provare un assorbente interno. Una donna sente l’assorbente interno quando lo mette e quando lo leva, quando è posizionato in vagina non si accorge della sua presenza, la vagina non lo sente. Fammi sapere cosa ti dice la ginecologa, mi interessa davvero molto capire come prosegue questa tua indagine. a presto

Anonima 123

Probabilmente sono stata inaccurata io nella spiegazione.
Ho usato il termine vagina per intendere in generale la zona stimolata durante la masturbazione, per cui è probabilissimo che loro in realtà intendessero il clitoride.
Comunque quando vengono stimolate mi hanno detto ke sentono un piacere continuo, che ha diversi picchi di intensità, ma che comunque le soddisfa per quasi tutta la durata della stimolazione.
Per me invece il piacere è assolutamente improvviso e decisamente breve, le parlo davvero di circa una decina di secondi, o al massimo poco più. All’inizio sono stimolata comunque a continuare (pur non sentendo di fatto piacere), poi segue quel breve momento e immediatamente dopo ho una gran voglia di smettere (anche se, alcune volte, sono trascorsi pochi minuti da quando abbiamo iniziato). Tutto ciò mi fa trovare la stimolazione estremamente deludente. Il mio ragazzo è al corrente di tutto quello che provo e dice che secondo lui è una questione psicologica.
Cosa ne pensa lei al riguardo?

Mirco

Buongiorno Dottoressa,chiedevo…per i rapporti orali,sia che si conosce o meno la persona,è sempre consigliato il preservativo(anche se si tratta di un uomo verso una donna)???Ho amici che a volte non lo usano e a me sembra una cosa sbagliata…..che mi consiglia lei????Grazie

Laura Testa

Ciao Mirco, la risposta è sì. Con i rapporti orali, sia praticati sull’uomo che sulla donna, si trasmettono le stesse malattie che si trasmettono con i rapporti a penetrazione vaginale.

Laura Testa

Ciao Anonima, penso che quello che tu descrivi è l’orgasmo, non riesco a capire invece di che cosa parlano le tue amiche, forse più in generale descrivo il piacere sessuale che provano durante il rapporto , che non è però l’orgasmo. prova a chiedere a qualcuna di loro se ha voglia di scrivermi e di spiegarlo. A presto

Mirco

Dottoressa che ne pensa di questo video????:-)

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/164134/lucci-aids.html

antonio

ho 57 anni lei 36 sono 3 mesi che ci conosciamo tengo a precisare che ha 3 figli di 10-6-3 anni,x un mese intero lei mi telefonava in continuazione sms a non finire tipo stretto e coinciso non posso fare a meno di te - mi fai battere il cuore - mi sono innamorato di te. ciu siamo incontrati 5 - 6 volte non abbiamo avuti rapporti sessuali durante quei giorni. dopo tutto questo un bel giorno incomincia a dirmi che non vederci di no telefonarci e non sapeva darmi una spiegazione dopo 5-6 gg mi telefona e mi dice che possiamo rimanere amici,a distanza di pochi giorni mi telefona e mi dice che io somo 1000 volte piu’ di un amico,mi ha fatto capire che ero molto attaccato a lei all’inizio telefonavo e rispondevo ai suoi sms, da 1 mese io non la cerco piu’e’ lei che mi telefona e mi dice che io posso telefonare quando ho voglia di parlare con lei dimenticavo ha slle spalle un matrimonio fallito con 2 figli ,3 anni fa avuto una relazione con un signore ha vuto il figlio di tre anni poi si sono lasciati io non voglio chiudere questo rapporto x e molto importante x me pero’ gli chiedo come mi devo comportare1 mi fa sapere

Laura Testa

L’intervista è molto interessante. la persona intervistata contesta nella precedente interveista (che non ho sentito) l’enunciazione anche die rischi teorici. In ogni caso è importante che le persone sappiano che attraverso i rapporti sessuali vaginali, orali ed anali il rischio di contagio esiste e che si proteggano. Sempre.

Laura Testa

Buongiorno, la signora sembra essere piuttosto confusa e non dimentichi che sono coinvolti anche dei bambini. Se pensa di poter costruire un futuro con questa signora e dare un po’ di stabilità a questi bambini la cerchi e la corteggi. Diversamente se pensa che sia una situazione già troppo complicata per essere solo all’inizio e che il suo interesse non possa andare al di là dell’avventura lasci perdere, quando ci sono dei figli le scelte affettive non possono nonj tenere conto della loro presenza. A presto.

Sara

Salve…prendo la pillola da gennaio, sia come contraccezione che per dei problemi ormonali.
Ho preso 3 scatole di Yasmin, e all’ultimo controlla la ginecologa mi ha cambiato la pillola e mi ha prescritto Diane. Ho finito la pima scatola, oggi sarebbero dovute venirmi ma non è stato così. è altamente improbabile ke sia incinta xkè durante i rapporti io e il mio ragazzo usiamo sempre anche il preservativo.
è possibile sia dovuto al cambio di pillola?

Laura Testa

Salve Sara, in casi simili è opportuno consultare il proprio ginecologo poichè è necessaria avere presente chiaramente la storia clinica di una persona oltre che quella strettamente collegata allìassunzione della pillola. Un caro saluto

Anonimo

Ciao Laura ho 18 anni è sono innamorata di 1 ragazzo non so se gli piaccio è il ragazzo più corteggiato del mio paese e sono timida per mettermi in mostra mi guarda il sabato sera che lo trovo difronte, ma per l’ imbarazzo mi giro ti prego rispondimi ho bisogno del tuo aiuto cordiali saluti

Laura Testa

Ciao Anonima, se per timidezza perdi la possibilità di avere un’occasione con la persona che mai farai fatica a perdonartelo. Un “no” è il peggio che ti possa accadare ma, anche se fosse potrai con serenità dirti “Almeno ho tentato”. fammi sapere.

Anonimo

lo immaginavo forse e meglio se lascio perdere a lui xk x concquistarlo non ho proprio idea come fare. fa male essere innamorati sopprattutto nel mio caso se puo darmi qualche consiglio di come fare ne sarei molto grata Grazie!

Laura Testa

Ciao, se il consiglio che vuoi è legato a come dimenticarlo esiste una regola essenziale: non vederlo. Fammi sapere.

stella85

Salve, sono una ragazza di 25 anni e non ho mai avuto rapporti sessuali. Ho fatto il pap-test, o meglio un semplice prelievo. Il problema è questo: fisicamente non dovrebbero esserci infezioni o malformazioni anatomiche, se no la mia ginecologa se ne sarebbe accorta. Allora perchè sento dei dolori proprio nella zona dell’imene?grazie.

Molise

dottoressa potrei avere una siegazione?: in erezione il mio sesso è curvo verso sinistra, è grave questo?…so che ci sono esercizi per corregge l’inclinazine ed avere una buona erezione, può darmi consigli??..grazie.

Laura Testa

Salve, il pene ha sempre una leggerea curvatura, in ogni caso, se hai dei dubbi e pensi che possa trattarsi di un acurvatura eccessiva, dovresti sottoporti a duna visita andrologica. A presto

Laura Testa

Ciao , il dolore nella sessualità molto spesso ha un’origine psicologica. Se vuoi puoi provare a spiegarmi più diffusamente la tua situazione. A presto

Tom

Salve dottoressa, sono un ragazzo di 21 anni e sono insieme da tempo con una splendida ragazza più giovane di me di 4 anni. Abbiamo sentito il desiderio di fare l’amore, ma al momento clou lei sente un dolore lancinante che non ci permette di continuare. Questo fatto ci ha un po’ abbattuto visto che per entrambi sarebbe la prima volta e temo che per lei sia diventato un incubo e che ogni volta possa essere prevenuta e tesa tanto da sentire dolore a priori. Come possiamo fare? lo desideriamo…sono io che forse sbaglio? non so. La ringrazio di cuore per il tempo che dedicherà: mi fido molto delle sue opinioni.
Cordiali Saluti, Tom

Laura Testa

Ciao Tom, prima di tutto la tua ragazza deve sottoporsi a duna visita ginecologica per verificare lo stato di salute del suo apparato sessuale. PUò rivolgersi al consultorio della sua zona, è gratuito. Quando avrà fatto la visita riscrivimi dicendomi che riscontro ha avuto e se è tutto a posto ragioniamo su cause di orgine psicologica. A presto

Marina

Ho 26 anni e sono ancora vergine. Le sembrerà strano ricevere un’email del genere da una ragazza della mia età.
Sono stata 1 anno con un ragazzo, ma non abbiamo mai fatto l’amore. Siamo andati avanti per un anno con il sesso orale, dato che non accettavo di essere penetrata. Non ce la facevo a farlo, lo sentivo come l’invasione di un corpo che finora era stato solo mio, oltre ad infastidirmi la sensazione di avere il pene semplicemente all’entrata della vagina, mi infastidiva anche solo un dito. In quei momenti penso: No, qui non entra nessuno! In aggiunta, per me il sesso è un optional, non ne ho voglia, sto bene così senza farlo, la mia vita va benissimo così, inclusa la storia. Non per lui che dopo un anno, comprensibilmente, mi ha lasciata. Prima di conoscere lui ho vissuto una vita totalmente asessuata, dapprima a causa dei miei compagni che mi prendevano in giro, poi dell’impossibilità di conoscere ragazzi e infine per le delusioni avute successivamente.
Ho consultato una psicologa, che mi ha consigliato di entrare in contatto con il mio corpo inserendo le dita proprio per esorcizzare l paura delle penetrazione: niente da fare. Mi sono sforzata di farlo per qualche mese, ho provato solo una sensazione di schifo e fastidio fisico.

Mi sono innamorata di un uomo adulto. Avevamo una complicità incredibile e un’attrazione che si sentiva tangibile, quando eravamo insieme, ma non c’è stato nessun rapporto. La prima sera in cui dopo mesi di avvicinamento ci siamo finalmente detti che ci piacevamo, ci siamo baciati e da lì per lui così adulto ed estremamente corteggiato da altre donne volere di più è stato un attimo. Lo desideravo so solo io quanto, per la prima volta nella mia vita, ma c’era troppa gente in quel letto, avevo troppa paura che questa sua fase romantica e “diversa” da quelle vissute con le altre svanisse dopo essere stata con lui. Mi sarebeb bastato un po di tempo, forse pochi giorni per inquadrare la situazione, perché lo desideravo eccome. C’è stato il sesso orale, ma non ho voluto che mi penetrasse. Ed è sparito. Idem!

Questo suo allontanamento è stato devastante perché ne sono innamorata. Ora vivo smarrita anche nel timore di questa mia verginità a 26 anni che scandalizza dottoresse, fa sollevare domande, faccia scappare gli uomini.
Grazie mille

Mari na

Ho 26 anni e sono ancora vergine. Le sembrerà strano ricevere un’email del genere da una ragazza della mia età.
Sono stata 1 anno con un ragazzo, ma non abbiamo mai fatto l’amore. Siamo andati avanti per un anno con il sesso orale, dato che non accettavo di essere penetrata. Non ce la facevo a farlo, lo sentivo come l’invasione di un corpo che finora era stato solo mio, oltre ad infastidirmi la sensazione di avere il pene semplicemente all’entrata della vagina, mi infastidiva anche solo un dito. In quei momenti penso: No, qui non entra nessuno! In aggiunta, per me il sesso è un optional, non ne ho voglia, sto bene così senza farlo, la mia vita va benissimo così, inclusa la storia. Non per lui che dopo un anno, comprensibilmente, mi ha lasciata. Prima di conoscere lui ho vissuto una vita totalmente asessuata, dapprima a causa dei miei compagni che mi prendevano in giro, poi dell’impossibilità di conoscere ragazzi e infine per le delusioni avute successivamente.
Ho consultato una psicologa, che mi ha consigliato di entrare in contatto con il mio corpo inserendo le dita proprio per esorcizzare l paura delle penetrazione: niente da fare. Mi sono sforzata di farlo per qualche mese, ho provato solo una sensazione di schifo e fastidio fisico.

Mi sono innamorata di un uomo adulto. Avevamo una complicità incredibile e un’attrazione che si sentiva tangibile, quando eravamo insieme, ma non c’è stato nessun rapporto. La prima sera in cui dopo mesi di avvicinamento ci siamo finalmente detti che ci piacevamo, ci siamo baciati e da lì per lui così adulto ed estremamente corteggiato da altre donne volere di più è stato un attimo. Lo desideravo so solo io quanto, per la prima volta nella mia vita, ma c’era troppa gente in quel letto, avevo troppa paura che questa sua fase romantica e “diversa” da quelle vissute con le altre svanisse dopo essere stata con lui. Mi sarebeb bastato un po di tempo, forse pochi giorni per inquadrare la situazione, perché lo desideravo eccome. C’è stato il sesso orale, ma non ho voluto che mi penetrasse. Ed è sparito. Idem!

Questo suo allontanamento è stato devastante perché ne sono innamorata. Ora vivo smarrita anche nel timore di questa mia verginità a 26 anni che scandalizza dottoresse, fa sollevare domande, faccia scappare gli uomini.
Grazie mille

Laura Testa

Ciao , la tua lettera fa molto pensare perchè sottolinea come, ancora oggi, spesso si ritenga che una donna possa superare le proprie difficoltà “costringendosi” a vivere la sessualità. Prima di tutto è imporytante capire perchè hai sviluppato questa difficoltà e per quale motivo non vuoi che nessuno possa entrare in te fisicamente ma anche emotivamente. Sei giovane ed è un problema che può essere risolto, ma devi rivlgerti ad un bravo terapeuta che possa seguirti ed aiutarti in questo percorso di scoperta di te stessa. Fammi sapere.

Anonimo

Il sito è molto bello, ma ho notato che, in alto, omosessualità è stato scritto con una esse sola.

Laura Testa

Controllo subito! Grazie

Marina

Salve Dottoressa,
più volte sono entrata nel sito in questi mesi e non trovavo mai la pagina aggiornata, lasciando così perdere. Stasera mi sono decisa a controllare e ho potuto leggere. Sono successe tantissime cose… Un mese dopo averle scritto sono ritornata in contatto con quell’uomo di cui le parlavo, ci siamo sentiti un paio di volte e una sera sono riuscita a lasciarmi andare con desiderio e consapevolezza. Lui non era diverso da prima, sapevo che stavo rischiando con lui che non si impegna mai, ma quella sera non c’era il fantasam delle sue donne precedenti, cntava solo che lui fosse tornato e che io lo avessi finalmente tra le mie braccia, dopo averlo desiderato tanto. Mi sono lasciata andare. Sono riuscita a dare e riceve sesso orale in modo soddisfacente per entrambi, ma non è stato possibile penentrarmi: nonostante tutta la sua cura e l’essersi fermato ad ogni mio lamento, appena provava ad entrare sentivo un dolore atroce- l’unico termine di paragone per descriverlo è il ricordo di alcuni punti di sutura su una ferita anni fa- ho strillato come una matta, sarà riuscito a entrare appena, ma una questione di millimetri, direi. Ho sanguinato e ho avuto dolore per un paio di giorni.Non è stato quindi possibile consumare un rapporto completo, ma lui è stato davvero molto tenero nel dopo e io per la prima volta mi sono sentita libera sessaualmente e riuscivo a fare qualsiasi cosa desiderassi ed è stato un grande passo avanti.
Il problema è che lui dopo quella notte è sparito di nuovo, prendendo sempre più le distanze da me, mettendo in chiaro sin dal giorno dopo che non dovevo fare affidamento su di lui, perché con la sua inaffidabilità mi avrebbe fatta soffrire. Risultato: sono ripiombata in uno stato quasi depressivo. Ho difficolà a prendere sonno da allora, sono sempre amareggiata e inacidita verso tutto, lui mi manca immensamente perché nonostante tutto, io sono innamorata di lui.
La psicologa che consultavo da 2 anni da tempo mi dice che devo archiviare il tutto, ma non ci riesco: non è come spegnere la luce. Non c’ero riuscita in 7 mesi, meno che mai ci riesco ora che siamo stati a letto insieme e né riesco a mettere a frutto le sue parole. Mi dice semplicemente che devo chiudere, conoscere altra gente, lasciar perdere, ma mi rendo conto che per me tutto ciò non è di alcuna utilità. Io amo lui da quando l’ho visto, mi manca e per reazione mi sono chiusa in me stessa e non sono più riuscita ad interessarmi a nessun altro, facendo fallire appuntamenti o piantando in asso chi mi chiedeva di uscire. Ho respinto 3 persone e mi sono chiusa. Piango spesso e non accetto essere avvicinata o toccata da nessun altro.Da quando lui si è allontanato vivo in uno stato di costante finzione della serenità, sono efficente, ma la sessualità è stata totalmente cancellata.
Ho paura per me stessa, la mia salute e il mio equilibrio psicologico.

Marina

ps: nei giorni immediatamente successivi al rapporto sono andata dalla ginecologa per farmi visitare visto che sanguinavo e mi ha detto che quasi non si notava la lacerazione (d’altronde lui ha solo spinto, ma non è riuscito ad entrare)e che comunque non notava nulla di strano nella mia conformazione fisica.
Quindi sono normale fisicamente, Ma perché è andata così,nonostante tutta la cura e il lubrificante?

anonimo

sono una ragazza di 25 anni e mi sono resa conto che non conosco il mio corpo, non amo il mio corpo eppure non sono grassa.
Inoltre, quando mi faccio il bidè…mi fa senso…forse è dovuto a quanto scritto sopra.
Che cosa si sente di dirmi al riguardo? Qualche consiglio? Grazie mille in anticipo.

Laura Testa

cara anonima, molte ragazze hanno una scarsa conoscenza del proprio apparato sessuale e molte di loro hanno delle diffioltà nel lavarsi accuratamente perchè temono il contatto stesso con il loro corpo. sarebbe importante che tu cercassi di approfondire questa tua difficoltà perchè amarsi è il primo passo per riuscire ad avere una sessualità appagante. Scrivimi ancora-

LaChange

sono una ragazza di 20 anni ho avuto il mio primo rapporto sessuale una settimana fa e non capisco questo bisogno di urinare molto spesso e alla fine sento dolore inoltre sento una pesantezza all’inguine cosa che prima del rapporto non accadeva mai…le chiedo se comunque e dovuto alla lacerazione dell’imene e quindi alla cicatrizzazione in atto…Grazie!!

Laura Testa

Buongiorno, il primo rapporto sessuale non dovrebbe lasciare alcun tipo di “fastidio” e se, anche avvenisse una modificazione dell’imene a questa non seguirebbe alcuna cicatrizzazione che possa determinare questa senzazione.
Potrebbe trattarsi di una leggera infiammazione ,a, se dovesse proseguire, sarebbe opportuno consultare il ginecologo.
Un caro saluto
Laura Testa

Lasci una risposta
per inviare un commento